Pages Menu
Facebook
Categories Menu

Posted by on mag 31, 2015 in Blog | 0 comments

FILO, COLORE E CREATIVITA’ SI INTRECCIANO A “VERONA TESSILE 2015″

FILO, COLORE E CREATIVITA’ SI INTRECCIANO A “VERONA TESSILE 2015″

È appena terminato il festival dell’arte tessile, svoltosi anche quest’anno a Verona secondo una tradizione nata nel 2011, grazie all’Associazione promotrice “Ad Maiora”. L’obbiettivo è far conoscere alle nuove generazioni la passione per l’arte tessile in tutte le varianti tecniche e stilistiche, rinnovando millenarie tradizioni e coniugando fantasia, abilità individuali e sapienza artigianale. Attraverso mostre, incontri e laboratori si trasmettono spunti sensoriali ed emozionali agli interessati che quest’anno hanno anche potuto cimentarsi in un concorso internazionale dal titolo “Colori diVini”, in riferimento a forme e colori legate al vino di cui Verona è fiera produttrice.
Una tra le tante, la mostra “Symphony of Colors – Japan Quilts” allestita a Palazzo della Ragione.
La tecnica del Patchwork, le trapunte multicolori geometriche o figurative, di cotone e non solo, con cui si ottengono oggetti per la persona o la casa, si è evoluta nei vari paesi del mondo. In Giappone, quando verso la fine degli anni Settanta comparvero i primi Quilt rappresentavano semplicemente un hobby delle donne americane. Le donne giapponesi hanno invece saputo fare propria quest’arte, attraverso lo studio dei manufatti e delle tecniche di realizzazione, fino a creare una vera e propria nuova forma, il Quilt giapponese. In esso la ricerca di motivi tradizionali si intreccia con l’uso del tessuto, soprattutto la seta, e la spiccata sensibilità per il colore e le sue modulazioni.
VERONA_TESSILE_02 VERONA_TESSILE_03 VERONA_TESSILE_04
VERONA_TESSILE_05 VERONA_TESSILE_07 VERONA_TESSILE_08

I colori vengono declinati e realizzati in saturazioni e luminosità funzionali all’effetto tridimensionale e sinestetico del soggetto, annunciato dal titolo e spiegato dalla didascalia del Quilt. Spesso le cromaticita’ vengono desaturate quasi completamente, mettendo in evidenza solo la luminosità per esprimere più intensamente le suggestioni delle artiste che realizzano in modo delicato e sensibile il tema del Quilt. I titoli infatti sono narrativi e conducono gli osservatori tra le voci, i suoni e i movimenti fluidi della natura: “è arrivata la primavera nella foresta addormentata”, ” il fiume limpido dona vita a tutte le creature”, ” il profumo rinfrescante dei fiori di stramonio”, “la forza vitale dei glicini centenari illuminati dalla luce bianca”, “una notte nella luna velata”, “la brezza autunnale al tramonto”, “ombra: le foglie sotto gli alberi”.

VERONA_TESSILE_06

L’esposizione è stata curata da Naomi Ichikawa, giornalista esperta del settore.

Leggi Tutto

Posted by on mag 24, 2015 in Blog | 0 comments

A EXPO 2015 LA CINA SI FA IN TRE

A EXPO 2015 LA CINA SI FA IN TRE

 

La Cina partecipa per la prima volta nei 163 anni di storia dell’Esposizione universale a Expo Milano 2015 con tre diversi Padiglioni distinti: il padiglione della Cina, il padiglione del gruppo immobiliare Vanke e il China Corporate United Pavillon.

CPE1 CPE3 CPE4 CPE5

Il progetto del padiglione cinese, sviluppato da un team multidisciplinare guidato da Yichen Lu, si chiama TERRA DI SPERANZA ed è stato pensato per combinare le forme evocatrici del paesaggio con i materiali della tradizione costruttiva cinese, rivisitati ed interpretati attraverso il linguaggio dell’architettura contemporanea. Il concept è espresso dalla grande copertura ondulata galleggiante, nella cui forma si riconoscono due profili, quello di uno skyline urbano sul lato nord dell’edificio e quello di un paesaggio naturale sul lato opposto, alludendo così all’idea che “la speranza” può realizzarsi solo quando si raggiunge armonia ed equilibrio fra questi due concetti. Questa copertura è costituita da più di 1000 pannelli di bambù e da una membrana plastica che crea interessanti effetti di luce e trasparenze. Internamente lo spazio è organizzato su due livelli collegati da una lunga rampa: il primo piano è quasi interamente occupato da un’enorme installazione luminosa, il fulcro del programma espositivo, che evoca un grande campo coltivato mosso dal vento, costituita da migliaia di steli in policarbonato.

Vanke-Pavilion-2-831x560  b_730_a4e9c3d8-376f-4a04-99e6-89b08fb485b9

 Il Padiglione dell’impresa Vanke, progettato da Daniel Libeskind, è stato concepitocome una grande scultura ispirata a Huan Shan, la Montagna Sacra della Cina: l’architetto l’ha stilizzata e riprodotta in una struttura ricoperta da 4.200 piastrelle rosse, in grado di cambiare sfumatura e colore a seconda della luce. L’effetto visivo, dinamico e cangiante, è quello di una sinuosa copertura “a scaglie” che ricordano le squame di un drago. L’edificio-scultura èstato realizzato con una serie di pezzi unici di volta in volta assemblati, la cui progettazione ha richiesto architetti,  modellatori 3D e maestranze di altissimo livello.

 

CCE1

Con il nome SEEDS OF CHINA, il China Corporate United Pavilion, disegnato dai creativi della Tongji Architectural Design & Research Institute Co Ltd,  interpreta grazie alla simbologia del seme il sogno di un gruppo di imprese cinesi che vogliono basarsi sui valori della conservazione delle risorse naturali e della sicurezza alimentare. Il padiglione si snoda in un intrecci o verso l’alto rappresenta la vita che nasce dal cuore verde, che contiene l’auditorium, e si evolve nella spirale della catena del Dna che traccia il percorso ascendente: la rampa accompagna dolcemente i visitatori verso l’alto fino al giardino italo-cinese e alla terrazza. L’involucro, che ricorda una naturale membrana protettiva, è costituito da una struttura d’acciaio coperta da un materiale traspirante che conferisce all’edificio un aspetto leggero e trasparente e una forte caratterizzazione d’interazione tra l’interno e l’esterno.

 

 

 

 

 

 

Leggi Tutto

Posted by on mag 17, 2015 in Blog | 0 comments

EXPO 2015: UN VOLTO PER OGNI PAESE

EXPO 2015: UN VOLTO PER OGNI PAESE

 

Confluiscono su Milano energie, innovazioni, nuove tecnologie e scoperte provenienti da tutti i continenti del Pianeta “per far vivere al visitatore un’esperienza unica, creando consapevolezza e partecipazione in merito al diritto ad un’alimentazione sana, sicura e sufficiente, alla sostenibilità ambientale, sociale ed economica della filiera agroalimentare, alla salvaguardia del gusto e della cultura del cibo”.

Ciascun Paese esprime, attraverso materiali, colori, odori e sapori la propria interpretazione del tema di Expo 2015 creando volti magici e grandi sculture urbane che fanno presagire le risorse e le bontà tipiche di terre vicine e lontane: un tetto in paglia galleggiante per il padiglione cinese, la riproduzione di una foresta nel padiglione austriaco, le dune del deserto nel padiglione degli Emirati Arabi firmato Norman Foster, un mercato coperto in legno lamellare per il padiglione francese, un giardino verticale per il padiglione israeliano, una serra a doppia navata per il padiglione spagnolo, le tradizionali imbarcazioni per il Kuwait, una pannocchia di mais per il Messico, un pianoro paesaggistico in lieve salita per la Germania, un alveare metallico per il Regno Unito, il cappello tradizionale dei coltivatori di riso, il “ngob”, per il padiglione della Thailandia, un fiore di loto per il padiglione del Vietnam.

Nei prossimi articoli del blog di Colore e.. andremo alla scoperta dei progetti più interessanti di questo grande evento che fino alla fine di ottobre farà di Milano l’ombelico del mondo.

www.coloree.it

 

Leggi Tutto

Posted by on mag 10, 2015 in Blog | 0 comments

NUTRIRE I SENSI PERCORRENDO I CLUSTER DI EXPO

NUTRIRE I SENSI PERCORRENDO I CLUSTER DI EXPO

 

L’invenzione espositiva dell’Expo di quest’anno sono i Cluster, 9 spazi comuni – Zone aride, Bio-mediterraneo, Cereali e tuberi, Cacao, Caffè, Frutta e legumi, Isole, mare e cibo, Riso, Spezie – frutto delle visionarie idee degli studenti di 18 scuole di architettura del mondo coordinati dal Politecnico di Milano, che ospitano tutti quei paesi che, per scelta o mancanza di risorse, a Expo non hanno un padiglione self-build, ma che desiderano contribuire con la loro esperienza all’evento. I cluster (grappoli) sono aree tematiche che aggregano attorno ad una filiera alimentare la vocazione di Paesi anche molto lontani tra loro: si confrontano per esempio sulle problematiche delle zone aride Spagna e Palestina, parlano insieme di riso la Cina e il Vietnam, mentre sono uniti attorno al tema del cacao due paesi agli antipodi come il Messico e la Svizzera. Ciascun Cluster è accompagnato dalle immagini di 9 grandi fotografi: Sebastião Salgado, Ferdinando Scianna, Alex Webb, Martin Parr, Alessandra Sanguinetti, Irene Kung, Gianni Berengo Gardin, George Steinmetz e Joel Meierowitz. Le loro foto, in grande formato, svettano qua e là come simboli dei relativi temi alimentari in un continuo mescolarsi di scenografia e arte.

I cluster sono costituiti da moduli prefabbricati aggregabili e rivestiti con materiali leggeri come legno riciclato, lamiera stirata, tessili speciali e molto altro ancora, che conferiscono a ciascuno un carattere ben preciso e rendono unico il relativo percorso culturale, ma soprattutto sinestetico. Infatti l’aspetto vincente di questi padiglioni è proprio la progettazione sensoriale che li caratterizza. Per esempio l’atmosfera della campagna, con i colori e i profumi provenienti dal mondo agreste accolgono il visitatore all’interno del Cluster del Riso con un paesaggio che ricorda una immensa risaia. In un gioco scenografico di specchi d’acqua si nascondono dati e curiosità che si svelano al visitatore lungo una passeggiata interattiva: il posizionamento di schermi a sfioro sull’acqua delle vasche fa sì infatti che il paesaggio naturale si fonda con il paesaggio informativo.

5-thumbnail

Nel Cluster del Cacao invece il concept trae ispirazione dalle piantagioni delle aree tropicali e subtropicali e accoglie nello spazio comune una serie di pali di diverse altezze e forme, metafora degli alberi sotto i quali il cacao cresce. L’atmosfera è quella densa e accogliente di una foresta, dove la luce penetra dalle chiome degli alberi e si diffonde tra i padiglioni.

    thumbs_DSC_8414    thumbs_DSC_8667

Nel Cluster del Caffe’ l’architettura degli spazi richiama gli alberi all’ombra dei quali crescono le piante di caffè. I toni caldi e i colori naturali che caratterizzano l’ambiente cambiano in base alla luce che filtra dall’esterno attraverso la copertura, influendo la percezione dello spazio e dando al visitatore l’illusione di trovarsi proprio in una foresta.

9    10

Il Cluster di Frutta e Legumi  è costellato di piccole e grandi piante da frutto che diffondono il loro profumo e invogliano il visitatore a scoprirne l’origine, la storia e le leggende. Gli spazi, i prodotti dei Paesi e le strutture architettoniche creano passaggi e giochi di luce e ombra dando al visitatore la sensazione di trovarsi in un bosco coltivato. Per unire idealmente i padiglioni, c’è una copertura di legno che ricorda una pergola.

22-Cluster-frutta-e-legumi_imagelarge

Il Cluster delle Spezie si dischiude al visitatore come un universo sensoriale dove l’esperienza di visita si trasforma in un vero e proprio viaggio che segue le rotte delle spezie attraversando continenti, terre e mari attraverso i loro profumi. L’allestimento espone le mappe che storicamente hanno guidato gli esploratori alla scoperta del mondo e alla ricerca delle spezie, suggerendo un viaggio tra le culture innescato da una sequenza di “aree sensoriali” che includono degustazioni, installazioni ed eventi.

01_cluster_spezie

Il Cluster  dei Cereali e Tuberi accoglie e accompagna il visitatore in un insieme di colori, superfici, profumi e suggestioni che rimandano alla loro coltivazione. Un percorso che, come un fiume che scorre attraverso i padiglioni dei vari Paesi, sfocia in un grande spazio che ospita eventi e ristorazione con una copertura che richiama la forma di un grande camino.

Cluster-cereali-e-tuberi-Expo-Milano-2015

Il Cluster del Mediterraneo evoca invece un’atmosfera fatta di colori, sapori e odori miscelati in un’esperienza culturale unica. Il progetto è ispirato all’immagine della città del Mediterraneo e si sviluppa attorno a una grande piazza semicoperta che ospita quattro strutture dedicate alla distribuzione di prodotti tipici di quest’area geografica. La varietà cromatica del pavimento, composta da diverse tonalità di azzurro, richiama tutte le sfumature del mare che abbraccia le nazioni ospitate nel cluster.

Cluster-Mediterranneo-Expo-Milano-2015

Il concept di Isole mare e cibo è quello di “nutrire l’anima” attraverso i suoni, colori e odori tipici di questo paesaggio. Lo scroscio dell’acqua, lo scricchiolio della ghiaia, il battere sul legno accompagnano il visitatore in tutta la visita restituendo l’armonia che caratterizza queste terre. Una grande copertura in bambù sovrasta e unisce i due padiglioni che ospitano i Paesi partecipanti mentre frasi d’ autore – da Omero a Conrad, da Cristoforo Colombo a Darwin e Melville – costellano le pareti esterne dei padiglioni evocando suggestioni di isole, mari e viaggi. Il percorso termina con un cubo in cui le immagini  proiettate danno l’impressione di essere  sott’acqua.

01_isole mare e cibo

Il Cluster delle Zone aride infine mette il visitatore al centro di un paesaggio desertico che crea una sensazione di spaesamento percettivo: dal soffitto scende una moltitudine di cilindri semitrasparenti che investe il cluster come una tempesta di sabbia, simbolo della difficoltà di vivere e sfruttare le risorse in questi territori. I padiglioni, come silenziosi monumenti, simulano le forme di grandi rocce, cristalli e gemme di diversi colori. Sul pavimento la decorazione è realizzata con un materiale granulare che rimanda immediatamente ai granelli di sabbia. 

Cluster-isole-e-mare-Expo-Milano-2015

 

Leggi Tutto

Posted by on mag 3, 2015 in Blog | 0 comments

EXPO MILANO 2015: IL GIRO DEL MONDO ATTRAVERSO LA CULTURA DEL CIBO

EXPO MILANO 2015: IL GIRO DEL MONDO ATTRAVERSO LA CULTURA DEL CIBO

 

Con la cerimonia di inaugurazione dello scorso 1° maggio è iniziato ufficialmente il più grande evento mai realizzato sull’alimentazione e la nutrizione che l’Italia ospiterà fino al 31 ottobre 2015. Per sei mesi Milano sarà conosciuta non solo come centro finanziario industriale o punto di riferimento per la cultura e il design: sarà una grande piattaforma di dialogo e confronto attorno al tema del cibo per il futuro sostenibile del Pianeta.

EXPO 2015 sarà una vetrina mondiale in cui ogni padiglione rappresenta un viaggio nei profumi, nei sapori, nei colori e nelle tradizioni di un popolo: per tutti la possibilità di conoscere e assaggiare i migliori piatti del mondo e scoprire le eccellenze della tradizione agroalimentare e gastronomica dei Paesi coinvolti.

Il sito presenta un impianto solido a maglia geometrica che ricorda l’organizzazione degli accampamenti romani ed è attraversato da est a ovest dal Decumano, lungo 1,7 km che ospita su entrambi i lati i  padiglioni nazionali dei Paesi partecipanti e alcuni dei Cluster, e da nord a sud dal Cardo, lungo 350 metri, che accoglie il padiglione Italia.

Cardo e Decumano

Ciascuno dei quattro punti cardinali è caratterizzato da un luogo particolare:

  • Lake Arena (Nord), un bacino d’acqua il cui fondo è coperto da un manto di ciottoli scuri, crea un effetto specchio, mentre al centro si trova un sistema di fontane e l’Albero della Vita, grandiosa costruzione di acciaio e legno a metà tra monumento e installazione artistica di ispirazione rinascimentale. Circondato da gradinate, il Lake Arena è il più grande spazio aperto dell’Expo dedicato a spettacoli con giochi d’acqua e pirotecnici, concerti e spettacoli su piattaforme e palchi galleggianti, installazioni artistiche ed eventi temporanei.

Lake Arena

  • Open-Air Theatre (Sud), uno spazio aperto che, tra prato e gradinate, può ospitare fino a 12.000 spettatori, ma essendo in parte scavato nel terreno lascia libera la linea dell’orizzonte per non ostacolare le viste circostanti.

Open-Air

  • Expo Center (Ovest), progettato da Michele De Lucchi, è uno spazio coperto per eventi culturali e di intrattenimento che comprende un auditorium, dalla centrale Open Plaza preservata a spettacoli e performance e dalle sale conferenze dell’Area Meeting.

Expo_Centre

  • Collina Mediterranea (Est), alta 12 metri, prevede un sistema di rampe che discendono dalla cima panoramica fino ai piedi dove si trova il padiglione di Slow Food, progettato da Herzog e De Meuron.

Collina mediterranea

La passeggiata lungo la World Avenue, la via più lunga dell’area espositiva, lo skyline dei padiglioni self-built disegna un paesaggio inedito. L’impressione è quella di entrare in un parco in cui le aree verdi e gli spazi semiaperti prevalgono sulle architetture monumentali tipiche di questi grandi eventi. Ciò non toglie spettacolarità all’Esposizione che tra i padiglioni dei diversi Paesi immerge il visitatore tra gli innumerevoli prodotti della natura e suggestioni sinestetiche di forte impatto rendendo l’esperienza irripetibile ed ecocompatibile.

Padiglioni self-built

 

 

 

Leggi Tutto