Pages Menu
Facebook
Categories Menu

Posted by on set 19, 2013 in Blog | 0 comments

L’iPhone CAMBIA FACCIA A TUTTO COLORE

L’iPhone CAMBIA FACCIA A TUTTO COLORE

Da sempre sono affascinata dal pensiero di quel genio visionario di Steve Jobbs e non manco di citarlo nei progetti di COLORE E SANITA’ per l’umanizzazione degli ospedali … che respirano attraverso il colore.

Jobbs negli anni 70 impose il colore sulla nascente tecnologia, convinto che “il colore avrebbe umanizzato la società”. E solo dopo averlo diffuso e fatto amare a molti, nell’ultimo suo decennio è approdato al colore preferito: il “bicromato di potassio”, il grigio impalpabile dal riflesso cromato che si veste dei colori delle nostre scrivanie, delle nostre borse, dei nostri divani, rendendo ormai inscindibile il braccio dell’uomo da un cellulare o un portatile. Da pochi giorni è di nuovo uscito un nuovo iPhone, ma “non è colorato è fatto di colore”!

La nuova campagna pubblicitaria è basata esclusivamente sul colore e merita una lunga citazione nel nostro Corollario perché rappresenta una lezione sul marketing che usa il colore per promettere nuove opportunità di business e sviluppo e -soprattutto- per sorprendere ed emozionare il consumatore, esaudendone sogni, desideri, illusioni: “Il colore va oltre quel che vedi. E’ un modo di essere, una presa di posizione, una scelta di campo. E rivela la tua personalità. Come l’iPhone 5C, con le 5 inconfondibili tonalità. Non è solo per chi ama i colori. E’ per chi vive a tutto colore. Il colore è da sempre un mezzo espressivo potentissimo. Un’estensione inequivocabile della nostra personalità. E’ per questo che abbiamo detto no a migliaia di tinte accettabili prima di dire si a 5 colori eccezionalmente brillanti e profondi. Per questo è tutto pieno di colore: il suo aspetto, il modo in cui lo usi, il modo in cui ti fa sentire. Perché per vivere davvero il colore non basta un guscio colorato, devi riprogettare tutto a partire dal colore. Ripensando i colori abbiamo finito per ripensare la plastica….il  nostro scopo non è mai stato creare un telefono colorato, ma creare un nuovo modo di immaginare  tutto quello che può essere un iPhone…. Riempie la tua vita di colore, in tutti i sensi. Quel che noti subito, almeno quanto la presenza del colore, è l’assenza di compromessi”.

Leggi Tutto

Posted by on set 10, 2013 in Blog | 0 comments

Il COLORE E’ UN PERSONAGGIO DA CONOSCERE

Il COLORE E’ UN PERSONAGGIO DA CONOSCERE

Il cammino verso il COLORE e’ lungo, anche complicato ma estremamente gratificante, tanto che la sua assenza con il tempo vi creerà astinenza: vi accorgerete che il colore e’ una condizione esistenziale!
Se vorrete possederlo dovrete conoscerlo intimamente. Il modo più naturale e’ osare in ogni tipo di sperimentazione, senza timore, ma e’ anche il più’ lento poiche’ dipende dalla fortuita circostanza di riuscire a trovare le occasioni per poterlo usare. Un altro modo e’ innamorarsi di lui, desiderarlo, cercarlo, scoprirlo e riconoscerlo in ogni occasione, ma guardarlo sempre con senso critico, pensando alle alternative…………
Leggi Tutto

Posted by on set 10, 2013 in Blog | 0 comments

NASCE OGGI IL COROLLARIO DI COLORE E …

NASCE OGGI IL COROLLARIO DI COLORE E …

Dopo anni di ritrosie, desidero un Blog notes per me e tutti quelli che – professionisti del settore ma soprattutto professionisti della vita …- vogliano comunicare e condividere sensazioni cromatiche, esperienze, suggerimenti, curiosità, incertezze, rifiuti, passioni …
Cosa comunica l’apertura di un cassetto al mattino con i colori delle nostre cose?
Il colore e’ sincero o ci prende in giro?
Di che colore e’ un sospiro?
Cosa può significare il colore in ogni circostanza, in ogni ambiente, in ogni scelta più o meno meditata… ?
Una cosa e’ certa e ve lo prometto: il colore e’ uno strumento di conquista del mondo…ma soprattutto di noi stessi!

Leggi Tutto

Posted by on lug 10, 2013 in Blog | 0 comments

Il COLORE ALLO SPECCHIO

Il COLORE ALLO SPECCHIO

Usiamo l’aggettivo possessivo anche per impossessarci di qualcosa che sentiamo fortemente come NOSTRO, tanto che ci rispecchia anche per lunghi periodi.
Le nostre capacita’ percettive ci fanno vivere e ci legano a intense esperienze che lasciano grandi solchi nella nostra memoria.
Avevo 13 anni quando agli esami di licenza della scuola media, in Calabria ai piedi del monte Pollino, ho disegnato le montagne della catena del Dolcedorme di colore viola. La commissione di esame, assai incuriosita, mi si e’ riunita intorno e voleva convincermi a tutti i costi che le montagne non fossero viola! Non c’e’ stato verso… ” le MIE montagne SONO VIOLA!”. In paese sono rimasta ‘quella delle montagne viola’ e per anni ho continuato a vantarne la bellezza. Anni dopo, avevo 18 anni, un mio amico romano in visita nella mia casa di campagna voleva che gli mostrassi fin dove arrivassero le mie proprieta’ di montagne viola: poco romantico e forse piu’ interessato alla dote!
Perche’ questo colore si e’ impossessato di me e del mio panorama? Quanto il vederle e descriverle viola fosse frutto di fenomeni percettivi, della luce calda e dorata del tramonto ma anche di aspetti psicologici che esprimevano sentimenti contrastanti e malesseri (ansia di abbandono, amore-odio, sofferenza-aiuto… ) che sempre ho provato per la mia terra di origine, lo sto analizzando e studiando ancora oggi!
Il viola e’ poi diventato il colore “DI MAMMA” che la piccola Lulu’ (22 mesi) associava a mamma Shu, suo-loro colore istintivamente preferito, a cui oggi anche io associo il viola.
In compenso le MIE montagne del Dolcedorme sono diventate azzurro-verdognolo e non sono piu’ mie … ma di tutti gli altri!
Leggi Tutto