Pages Menu
Facebook
Categories Menu

Posted by on lug 25, 2013 in LINK

IL COLORE NELLA SANITA’

IL COLORE NELLA SANITA’

 

Attraverso l’uso funzionale del colore, progettiamo spazi finalizzati al comfort ambientale e all’umanizzazione degli ambienti sanitari e di tutti gli spazi in cui il benessere della persona è il principale obiettivo.

La qualità ambientale si esprime attraverso l’equilibrio tra gli aspetti architettonici, funzionali, tecnologici, in uno scenario che, a fianco di competenza, professionalità e tecnologia, offra una maggiore partecipazione umana e affettiva per realizzare il benessere psico-fisico.

La struttura sanitaria nell’attuare l’umanizzazione degli spazi per il fruitore – paziente, operatore sanitario o visitatore – assume e richiede un atteggiamento che sia principalmente orientato e attento alla persona, conformandosi alle sue complesse necessità, facilitandone i contatti, i percorsi, la permanenza, creando un ambiente confortevole ed accogliente, rassicurante e non ostile.

L’Azienda, in sintesi, deve garantire non solo la salute dell’individuo, intesa come assenza di malattia per il paziente, ma anche il benessere fisico, psichico e ambientale per ogni tipo di fruitore, evitando o contrastando il fenomeno noto e dannoso della Sick Building Sindrome, che affligge molte strutture sanitarie.

Il progetto dell’umanizzazione di COLORE e … SANITA’ è basato sull’attenzione all’equilibrio sensoriale dell’individuo, il quale deve sentirsi posto al centro del progetto. Tutto, cioè, deve ruotare intorno alla persona ed alle sue necessità: architettura, arredi, finiture, colori, qualità materiche, segnaletica, suoni, odori, temperatura, umidità, ventilazione, luminosità, igiene. Tutto deve comunicare calore e accoglienza, non freddezza tecnica o ostilità, garantendo privacy, comfort, accoglienza, ascolto, orientamento, trasparenza, comunicazione, informazione.

     Il rapporto tra colore, salute e benessere è stato universalmente riconosciuto: un ambiente gradevole e più confortevole per i pazienti ha un potere terapeutico aggiuntivo e può ridurre il periodo di degenza, favorendo ed accelerando la guarigione; anche il personale sanitario, generalmente sottoposto ad attività, orari e rapporti molto stressanti con la struttura ed i pazienti, ne trae maggiori motivazioni e disponibilità:  l’influenza psicologica del colore è un valido aiuto alla depressione, o allo sconforto sempre latente nei luoghi di malattia, rappresentando il colore gioia, festa, attenzione, mentre il grigio o il non colore è disattenzione, apatia, introversione.

    La varietà dei colori, o un evento cromatico, contribuisce a spostare l’attenzione e l’interesse del malato dalla propria malattia o disagio interno verso l’esterno immediato. I fruitori, resi ipersensibili dalla malattia, devono ritrovare nell’habitat gli stimoli necessari per reagire e collaborare alla guarigione, ma anche gli operatori sanitari devono poter svolgere le prestazioni professionali in luoghi funzionali e confortevoli, in cui trovare maggiori motivazioni.

PER APPROFONDIMENTI VISITA IL NOSTRO SITO DEDICATO AI PROGETTI CROMATICI NEGLI AMBIENTI SANITARI:

www.coloreesanita.it